Come aiutare un alcolista a smettere di bere

Possiamo aiutare il nostro familiare o amico alcolista a smettere di bere?

La risposta a questa domanda è: si, possiamo ma non direttamente in quanto solo lui o lei può decidere di smettere di bere ed essere disposto a farsi aiutare. Il nostro modo di essere, il nostro comportamento nei sui confronti e le nostre reazioni al suo comportamento possono aiutare l’alcolista a rendersi conto di avere un problema e a chiedere aiuto.

Ritrovare la serenità Uscire dal nostro stato di rabbia, frustrazione, ansia e negazione.
Evitare di controllare Evitiamo di controllare continuamente e in modo ossessivo il suo bere
Incoraggiare e comprendere Cerchiamo di incoraggiare e comprendere i suoi sforzi
Non nascondere o negare Cerchiamo di non nascondere e/o negare il problema

Ritrovare la serenità

Il modo migliore per aiutare una persona che ci è vicino a smettere di bere è aiutare noi stessi!.
Mi spiego meglio: all’inizio del mio percorso in Al-Anon ero confuso, spaventato e non sapevo cosa fare .. era come se il mondo mi stesse crollando addosso. Ho iniziato a frequentare perché, cercando un modo per aiutare mia moglie a smettere di bere sono entrato in contatto con Alcolisti Anonimi e, di conseguenza con i gruppi di familiari Al-Anon. Pensiamo che il problema sia di chi beve ma il problema è di tutta la famiglia, spesso si prova una grande rabbia di fronte alla nostra impotenza nei confronti del bevitore compulsivo, si vorrebbe fare qualcosa per lui ma tutti i nostri tentativi sono inutili. Vivere con un alcolista attivo è come vivere senza nessuna certezza: non sappiamo se, quanto e quando berrà. Tutto questo genera in noi una grande ansia. E’ una situazione in cui la vergogna e l’incapacità di ammettere quanto sta succedendo ci può mettere in uno stato di negazione verso gli altri e verso noi stessi. La persona che ci sta vicino e che abusa di alcol sente questo “clima” in famiglia e ne soffre molto, tanto che spesso ciò è un ulteriore motivo per bere.

Frequentando i gruppi per familiari e amici di alcolisti Al-Anon si può recuperare la propria serenità accettando la realtà che ci sta attorno, riscoprendo la cura e l’amore verso se stessi, ritrovando la propria autostima, fortemente minata dagli anni di alcolismo. In altre parole ritornando a vivere smettendo di combattere una battaglia (quella di impedire al bevitore compulsivo di bere) già persa in partenza.

Torna all'inizio

Evitare di controllare

Il controllo non fa bene a nessuno e, secondo la mia opinione, non serve a nulla quasi sempre. Il problema del bere non fa eccezione. Evitiamo quindi di controllare se, quando e quanto beve il nostro familiare, non faremmo altro che fargli sentire la nostra mancanza di fiducia nei suoi confronti. Pensiamo anche alla facilità con cui ci si può procurare l’alcool; esso è praticamente ovunque e le occasioni per bere non si contano.

Torna all'inizio

Incoraggiare e comprendere

Accusare e rimproverare la persona che beve può sembrare naturale ed efficace, ma è del tutto inutile, anzi, è controproducente. Un atteggiamento neutrale, se lui o lei non hanno ancora chiesto aiuto, è il comportamento migliore che possiamo tenere. Se l'alcolista è impegnato a smettere di bere e non riesce, l'incoraggiamento e la comprensione possono essere le modalità migliori.

Torna all'inizio

Non nascondere o negare

Spesso si cerca di nascondere il problema o di negarlo “bevono tutti, qualche volta mio marito esagera ma ha il controllo della situazione”. Ma negare il problema a noi stessi e agli altri può indurre anche l’alcolista a credere di non avere nessun problema con l’alcol. Siamo anche portati a giustificare le azioni dell’alcolista inventandoci delle scuse, a volte le più assurde, per cercare di salvare la situazione. Ma questo e altri comportamenti protettivi non fanno altro che ritardare o peggio evitare che l’alcolista “tocchi il fondo”. Il bevitore si sente così svuotato di qualsiasi responsabilità materiale o morale e può continuare a bere perché, in fin dei conti, non gli succede niente di grave.

Torna all'inizio

Per aiuto o informazioni.

Chiama subito

Verona: 345 5336279  

Numero verde nazionale

800 087 897 


Se avete un familiare per il quale l'alcool è divenuto un problema:

Al-Anon può aiutarvi

Insieme possiamo ottenere ciò che è quasi impossibile fare da soli: possiamo superare gli effetti devastanti di questa terribile malattia e imparare a vivere di nuovo.

Fin dalla prima riunione proverete un gran sollievo, perché potrete, forse per la prima volta, parlare con persone che capiscono veramente i vostri problemi, poiché anche loro hanno avuto le stesse esperienze.